Pagina:MarinellaDellaNobiltàEtDell'EccellenzaDelleDonneEt.djvu/32


mondo, più eccellenti, et nobili, come Dio,Stelle,Natura,Elementi,et Amore, che è un ministro, che piglia da i corpi misti, et da gli altri ogni sorte di perfettione, et eccellenza. Onde il Tasso ne' suoi sonetti conclude, che nella bellezza vi sia tutto il bel del mondo con tai parole.

Bella Signora nel tuo vago volto
Si vede lo splendor del Paradiso,
Sì che qual'hora il mio pensier v'affiso
Parmi uvedere il ben tutto raccolto.

Se le donne adunque sono più belle degli huomini, che per lo più rozzi, et mal composti si vedono, chi negherà giamai, che quelle non sieno più singolari de' maschi? niuno à giudicio mio. Onde si può dire, che la bellezza nella donna sia un meraviglioso spettacolo, et va miracolo riguardevole, che mai non sia a pieno honorato, et inchinato dagli huomini. ma voglio che passiamo più inanzi, et che mostriamo che gli huomini sono obligati, et sforzati ad amar le donne, et che le donne non sono tenute à riamarli, se non per semplice cortesia: Et oltre à questo voglio, che dimostriamo, [Gli huomini sono sforzati di amar le donne]che la beltà delle donne sia cagione, che gli huomini, che temperati sono, s'inalzino per mezzo di quella e delle altre creature alla cognitione, et alla contemplatione della divina Essenza. da queste cose tutte saranno pur vinti, et superati gli ostinati Tiranni delle donne, i quali ogni giorno più insolentemente calpestano le dignità loro; che la piacevolezza, et la leggiadria de' delicati volti sforzi, et costringa a lor dispetto ad amarle è cosa chiarissima, et però questo à me sarà leggierissima impresa; percioche se il bello è di sua natura amabile,