Apri il menu principale
84 carme autobiografico.

innominato maestro ch’egli disprezza; viene infine l’alunno sdegnoso alle calunnie dei vili che assalirono il nome del giovine poeta in Italia, alle quali egli non diede risposta, unico modo savio per farle cadere; e caddero infatti così bene, che non si potrebbe oggi più argomentare con qualche fondamento di qual natura veramente esse fossero e onde partissero. È possibile tuttavia, se è vero che il Manzoni abbia, in qualche modo, nella gioventù di Lodovico, voluto raffigurar la propria ch’egli, non ignaro, per averle particolarmente studiate, delle leggi cavalleresche, invece di sfidare il suo avversario calunniatore l’abbia disprezzato, per mostrare poi in età più matura, con tutta la forza stringente della sua logica poderosa, e per l’esempio del duello di Lodovico, come un tal partito, tragico insieme e ridicolo, non risolva mai alcuna questione d’onore. I versi giovanili del Manzoni ci dicono, in somma, in modo indiretto, che egli nè entrò in polemica letteraria, nè chiese a’ suoi calunniatori alcuna riparazione di sangue:

Nè l’orecchio tuo santo io vo’ del nome
Macchiar de’ vili che, ozïosi sempre,
Fuor che in mal far, contra il mio nome armâro
L’operosa calunnia. Alle lor grida
Silenzio opposi, e all’odio lor disprezzo;
Qual merti l’ira mia fra lor non veggio;
Ond’io lieve men vado a mia salita
Non li curando:


non curanza che, ricordando il disdegnoso verso dantesco,

Non ti curar di lor, ma guarda e passa,