Apri il menu principale

Pagina:Manzoni.djvu/77


carme autobiografico. 75

ticò o finse o volle dimenticare il singolare desiderio espressogli dall’amico, il quale dovette contentarsi di sentirsi chiamare semplicemente: Alessandro Manzoni.


    annua di duemila franchi, il che non impedì, allo scoppiar della rivoluzione, che il Pindaro francese scrivesse le più ardenti odi rivoluzionarie. Ma il regno del Terrore lo spaventò; il Lebrun lamentò allora la libertà perduta e l’umanità oltraggiata. Passata la tempesta rivoluzionaria, creato l'Institut National, ei fu de’ primi ad esservi accolto. Sotto il Direttorio, gli fu dato quartiere nel Louvre, con una pensione annua di mille scudi; Napoleone, primo console, la portò nel 1804 a seimila franchi. Negli ultimi anni della sua vita, il poeta perdette la vista; ma la ricuperò, in parte, per le cure del dottor Forlenze, onde il Cournand componeva la graziosa strofa seguente:

    D’un nuage fatal tes yeux étaient voilés;
    Forlenze, par son art, te rendit la lumière.
    En des siècles plus reculés
    Ce qu’il fit pour Pindare, il l’eût fait pour Homère


    Ma del beneficio della luce il Lebrun godette per poco tempo, poichè morì nel mese di settembre dell’anno 1807. I critici contemporanei del Lebrun non lo stimavano inferiore al lirico Giambattista Rousseau, specialmente per le due Odi al Buffon, per l’Ode sopra il vascello Le Vengeur, e per le sue traduzioni e imitazioni delle Odi d’Orazio. Ebbi sotto gli occhi un ritratto del poeta Lebrun, una figura nervosa, un profilo sottile, che non doveva inspirar molta simpatia; il Manzoni era tuttavia in quell’età, in cui tutti gli scrittori celebri sembrano degni d’essere amati, quando incontrò il Lebrun; e però il 17 marzo dell’anno 1806 scriveva da Parigi al suo amico Pagani: «Ieri ebbi l’onore di pranzare con un grande uomo, con un poeta sommo, con un lirico trascendente, con Lebrun. Avendomi onorato di un suo componimento stampato, volle assolutamente scrivere sull’esemplare, che conserverò per sempre: Á. M. Beccaria. Ho avuto l’onore di imprimere due baci sulle sue smunte e scarnate guancie; e sono stati per me più saporiti che se gli avessi colti sulle labbra di Venere. È un grande uomo, per Dio! Spiacemi che le sue Odi sieno sparse e non riunite in un volume per potertele far conoscere; il suo nome lo conoscerai certamente. Credimi che noi Italiani siamo alquanto impertinenti, quando diciamo che non vi è poesia francese. Io credo e creder credo il vero, che noi non abbiamo (all’orec-