Apri il menu principale

carme autobiografico. 73

altrimenti che la signora Giulia Beccaria; il nome del Beccaria servì di passaporto e di commendatizia anche al nostro giovine Alessandro presso la più eletta e la più colta società parigina, ov’egli ebbe pure occasione di conoscere, fra gli altri valentuomini, lo storico piemontese Carlo Botta, il quale, non potendo ancora presagire in lui il futuro caposcuola del romanticismo in Italia, gli divenne amico.1 Il Manzoni stesso, in quel tempo, un poco per farsi meglio conoscere, ma molto più forse per compiacere alla propria madre, firmava le proprie lettere col doppio nome di Manzoni-Beccaria; quando poi l’amico suo Pagani fece ristampare in Milano, per conto dell’Autore,2 il Carme In morte dell’Imbonati, egli lo pregò di aggiungere pure sul frontispizio il nome del Beccaria, specialmente do-

    per discepolo ideale un Giusti! Le visite del Mazzini e del Garibaldi, di Vittorio Emanuele e del Principe Umberto, di Don Pedro d’Alcantara e del Granduca Alessandro di Weimar, erano dimostrazioni particolari di quel consenso universale d’ammirazione, pel quale la gloria letteraria del Manzoni fu insuperata ed insuperabile.

  1. Il Botta dava a leggere al giovine Manzoni il manoscritto della sua Storia della Indipendenza degli Stati Uniti, della quale il Manzoni scriveva con entusiasmo all’amico Pagani, dicendogli, tra l’altre cose: «Credi che, dopo i nostri storici vecchi, nulla d’eguale è mai comparso in Italia,» e gli raccomandava di trovargli un editore in Italia. L’editore non si potè trovare. Il Botta stampò il libro a sue spese; poi, avendo la moglie malata, e bisogno urgente di far danaro, vendette tutta l’edizione a peso di carta! — È noto come, dopo la pubblicazione de’ Promessi Sposi, il Botta classicheggiante si schierò tra gli avversarii della Scuola manzoniana.
  2. La prima edizione de’ soli cento esemplari, uscita nel febbraio del 1806, non fu messa in vendita; l’edizione di Milano fu di 1000 esemplari, ed uscì nel marzo di quello stesso anno.