Apri il menu principale
70 carme autobiografico.

signora Giulia Beccaria, madre del Manzoni. La Giulia accompagnò le spoglie dell’amico a Brusuglio: villa, di cui egli, sebbene avesse parecchie sorelle, l’aveva fatta erede. La madre ed il figlio, dopo quella morte, partirono per Parigi, lasciando solo Don Pietro in Milano; l’eredità lasciata alla Giulia Beccaria diede occasione a molte ciarle; ora le ciarle, nelle quali anche gli uomini eletti che vi si abbandonano, diventano volgo, le nove volte su dieci, come sono figlie dell’ozio, sono madri di maldicenza. La signora Giulia Beccaria non dovette essere risparmiata. Che fece allora il figlio? Prima di tutto, egli non l’abbandonò più, e poi si preparò a vendicarne, come potè, la fama oltraggiata. Del padre che morì settantenne in Milano, due anni dopo la morte dell’Imbonati, e a cui il figlio, avvertito troppo tardi in Parigi, non arrivò in tempo a chiudere gli occhi, non troviamo se non un rapido cenno, abbastanza freddo, per annunciarne la morte, in una lettera che il Manzoni diresse nel marzo del 1807 all’amico Pagani da Brusuglio, ov’egli s’era per pochi giorni condotto con la madre a mettervi in ordine i suoi affari più urgenti. Nella stessa lettera, invece, il Manzoni rappresenta all’amico la propria «felicità di avere per madre ed amica una donna, parlando della quale, egli dice, troverò sempre più ogni espressione debole e monca.»1 Ignazio Calderari, comune amico

  1. In una lettera del marzo 1806 diretta da Parigi al Pagani, il Manzoni si esprime così. «Scrivimi presto, te ne prego per me e per mia madre, che legge le tue lettere coi miei occhi. Ella t’ama quanto io t’amo. Ella è continuamente occupata.... ad amarmi e a fare la mia felicità.»