Apri il menu principale

Pagina:Manzoni.djvu/71


carme autobiografico. 69

a rimanere in Milano, a respirar l’aria delle scuole letterarie d’Italia, a vivere tra le maldicenze puerili e pettegole de’ nostri letterati, egli, a malgrado di tutta l’originalità del proprio ingegno, non avrebbe trovato così presto quella forma chiara, schietta, popolare di linguaggio, pel quale veramente col Carme dell’Imbonati per la nostra poesia incipit vita nova. A Parigi egli si trovò libero d’ogni impaccio scolastico, ed il suo genio, per la prima volta, potè spaziare per vie proprie e non ancora battute. Sentir e meditar: ecco la sua gran formola poetica; in Francia egli trovò pure il modo di esprimere naturalmente questi sentimenti meditati, per l’esempio che gli offrivano gli scrittori francesi.

Il Carme per l’Imbonati è una prova eloquente che il Manzoni ha sentito, meditato e imparato a scrivere con semplicità e naturalezza.

Esaminiamo ora dunque quali forti sentimenti dovessero agitarlo e commuoverlo, quali pensieri governarlo, quando egli scrisse a vent’anni, in Parigi, il bellissimo Carme.

Che cosa sia veramente avvenuto nella famiglia Manzoni, nel principio dell’anno 1805, quando la signora Giulia Beccaria s’indusse a lasciare precipitosamente Milano in compagnia del figlio Alessandro, non si può fino ad ora bene affermare. Che il giovine Alessandro avesse avuto in Milano de’ grossi dispiaceri, si può argomentare dai versi stessi del Carme, ov’egli si sfoga contro i vili che armarono contro il suo nome l’operosa calunnia. Carlo Imbonati era morto il 15 marzo dell’anno 1805, in Parigi, assistito dalla