Apri il menu principale
296 il manzoni e la critica.

piazza i loro nomi veri.» Il primo è senza dubbio, il Rosmini; il secondo, il Manzoni. Il secondo dice che l’artista crea, poi corregge che l’artista inventa. Il primo dimostra che nè crea nè inventa, poichè l’idea essendo semplice, non si compone, ma esiste per sè, è anteriore all’opera dell’artista e conduce il secondo per una serie di sillogismi stringenti, al fine de’ quali il secondo deve darsi per vinto, ma domanda altro. Il primo osserva: «Tanto meglio se queste nostre chiacchiere vi lasciano la curiosità di conoscere più di quello che richiede la nostra questione, e soprattutto di quello che potrei dirvi. Vuol dire che studieremo filosofia insieme.» Il secondo conviene: «Insomma, bisogna studiarla questa filosofia.» Il primo soggiunge: «Fate di meno ora, se potete, con quelle poche curiosità che vi sono venute. Non fosse altro che l’ultima, quella che non v’ho nemmeno lasciata finir d’esprimere. Tutte queste idee.... avevate intonato; e infatti tante idee, tanti esseri eterni, necessarii, immutabili, aventi cioè gli attributi che non possono convenire se non a un Essere solo, non è certamente un punto, dove l’intelletto si possa acquietare. E nello stesso tempo, come negare all’idee questi attributi? E non v’è, di certo, uscito dalla mente neppure quell’altro fatto altrettanto innegabile, e altrettanto poco soddisfacente, dell’esser tante di queste idee comprese in una, che pure riman semplice e che potete fare entrare anch’essa in un’altra più estesa, più complessa; come potete da una di quelle farne uscire dell’altre moltiplicando, per dir così, e diminuendo, a piacer vostro, questi esseri singolari, senza potere né