Apri il menu principale

Pagina:Manzoni.djvu/26

24 il manzoni a scuola.

tempi, educatore assai liberale, sebbene s’indispettisse contro il nostro piccolo scolaro, che s’ostinava a scrivere le parole Re, Imperatore e Papa con la prima lettera minuscola. Il Manzoni parlando un giorno del Soave a Cesare Cantù gli disse, tra l’altre cose: «Teneva nella manica della tonaca una sottile bacchetta, presso a poco come quella che fa i miracoli dei giocolieri; e quando alcuno di noi gli facesse scappare la pazienza, egli la impugnava, e la vibrava terque quaterque verso la testa o le spalle del monello, senza toccarlo; poi la riponeva e tornava in calma.» Al Manzoni rincresceva d’avere talvolta inquietato quel Padre, che tanto fece, sebbene non sempre il meglio, per l’istruzione della gioventù. Narrava pure il Manzoni come una volta gli scappasse detto in iscuola «ne faremo anche a meno,» quando il Padre Soave annunziò che fra poco ci sarebbe stata la lezione d’aritmetica. Il Padre maestro si levò allora dalla cattedra, e si mosse gravemente verso il piccolo ribelle, che si sentiva già agghiacciare per lo sgomento il sangue

    da Milano, ove spadroneggiavano vittoriosi i Sanculotti. Si capisce pertanto qual animo fosse allora il suo contro i repubblicani e come li dovesse rappresentare a’ suoi piccoli alunni del Collegio di Lugano. Da Lugano lo richiamava poi in Napoli il principe d’Angri per affidargli l’educazione del proprio figliuolo. Il Manzoni dovette rivedere il Soave nel 1803 a Pavia, ove il buon Padre insegnava l’analisi delle idee; chi sa che il Manzoni non abbia pure frequentate le sue nuove lezioni di logica. Accennerò finalmente come, a promuovere le idee del giovine stoico Manzoni, può avere pure conferito alcun poco l’esempio del Soave che ci è rappresentato come uomo «d’ingenui e sinceri costumi, dal parlare lento e grave, dal viso alquanto austero, dal far contegnoso, non ostante il quale, la bontà sua lo rendea caro e venerato.»