Apri il menu principale
238 i promessi sposi.

perava anche ogni mezzo per mandarla ad effetto. Stava assidua al lavoro, cercava d’occuparsi tutta in quello, quando l’immagine di Renzo le si presentava, e lei a dire o a cantare orazioni a mente. Quell’immagine, proprio come se avesse avuto malizia, non veniva per lo più così alla scoperta; s’introduceva di soppiatto dietro all’altre, in modo che la mente non s’accorgesse d’averla ricevuta, se non dopo qualche tempo che la c’era. Il pensiero di Lucia stava spesso con la madre; come non ci sarebbe stato! e il Renzo ideale veniva pian piano a mettersi in terzo, come il reale avea fatto tante volte. Così con tutte le persone, in tutti i luoghi, in tutte le memorie del passato, colui si veniva a ficcare. E se la poverina si lasciava andar qualche volta a fantasticar sul suo avvenire, anche lì compariva colui, per dire, se non altro: io, a buon conto, non ci sarò. Però, se il non pensare a lui era impresa disperata, a pensarci meno, e meno intensamente che il cuore avrebbe voluto, Lucia ci riusciva fino a un certo segno; ci sarebbe anche riuscita meglio, se fosse stata sola a volerlo. Ma c’era Donna Prassede, la quale, tutta impegnata dal canto suo a levarle dall’animo colui, non aveva trovato migliore espediente che di parlargliene spesso. «Ebbene?» le diceva, «non ci pensiam più a colui?» — «Io non penso a nessuno,» rispondeva Lucia. Donna Prassede non s’appagava d’una risposta simile, replicava che ci volevan fatti e non parole; si diffondeva a parlare sul costume delle giovani, «le quali,» diceva, «quando hanno nel cuore uno scapestrato, ed è lì che inclinano sempre, non se lo staccan più. Un partito onesto, ragio-