Apri il menu principale
22 il manzoni a scuola.

quale vogliono che fosse svelta, vivace e piacevolona.1 Ma non è senza importanza il fatto che a soli sei anni il fanciullo Manzoni fu allontanato da casa sua e chiuso nel Collegio de’ Frati Somaschi di Merate, ove rimase dall’anno 1791 all’anno 1796.2 La mamma ve l’accompagnò, ma scomparve intanto che il fanciullo era tenuto a bada da un frate maestro. Si possono facilmente immaginare gli strilli del povero fanciullo non appena egli s’accorse che la mamma sua l’aveva lasciato; ma, poichè ad uno de’ prefetti parve pure che il pianto durasse troppo, il fanciullo ricevette un colpo sulla guancia accompagnato da queste parole: «E quando la finirete di piangere?» Quello fu il primo dolore provato dal grand’uomo, che se ne rammentava anche negli ultimi anni della sua vita. «Buona gente (del resto egli concludeva, parlando di que’ suoi primi istitutori), quantunque, come educatori, lasciassero troppo a desiderare che fossero prima un po’ più

  1. Cfr. I primi anni di Alessandro Manzoni, spigolature di Antonio Stoppani.
  2. La poca armonia che dovea regnare in casa di Don Pietro Manzoni fra moglie e marito, onde sappiamo che, alcuni anni dopo, la signora Giulia Beccaria si trasferiva con l’Imbonati a Parigi, dovette essere una delle principali cagioni, per le quali il Manzoni, in così tenera età, fu rinchiuso in collegio. Il Manzoni concepì poi per la vita di collegio una tale avversione, che, al dire del Loménie, egli non volle mandare in collegio alcuno de’ suoi figli, ch’egli educò, invece, presso di sè. «On dit (aggiunge il Loménie) que, par suite de son excessive tendresse de père, l’expérience de l’éducation domestique ne lui a pas parfaitement réussi.» Ed è vero, pur troppo, per quello che riguarda i maschi, i quali, ad eccezione forse del primogenito Pietro, che gli fece almeno buona compagnia negli ultimi anni della vita, non risparmiarono al grand’uomo noie e dolori.