Apri il menu principale

i promessi sposi. 219

avere qualche grado probabile, in quanto che, nell’anno in cui il Manzoni incominciò a scrivere i Promessi Sposi cioè nel 1821 (e non dopo pubblicato l’Adelchi, come afferma il Sainte-Beuve), la sua figlia primogenita Giulia avea per l’appunto undici anni, e il figlio Pietro dieci. Alieno com’egli era dal mandare i figli a scuola, dopo il duro esperimento che della scuola aveva fatto egli medesimo, il Manzoni dovette, senza dubbio, desiderare di potere scrivere, se gli riusciva, prima d’ogni cosa, un buon romanzo storico, che in Italia non esisteva pur troppo, per i suoi proprii figliuoli. E mi reca meraviglia che tra le tante cagioni astruse che s’andarono a cercare per chiarirsi come il Manzoni si fosse indotto a scrivere un romanzo, quest’una così ovvia, così semplice, non siasi ancora indicata. Il Manzoni, come ho già avvertito, era un lettore e un postillatore di libri infaticabile; la biblioteca di Don Ferrante dovea, per la varietà, somigliare alcun poco alla sua. Egli era

    della gloria, che si van gittando in tanti modi nel cuore de’ nostri allievi, e d’ispirare quell’elevazione di animo, ch’è altrettanto più gloriosa, quanto meno si combina colla ricchezza delle fortune e coll’originaria dignità della condizione. Io vorrei che il soggetto de' romanzi fosse per lo più un fatto vero, e non interamente immaginato, e vorrei che l’autore ne assicurasse colui che legge. È incredibile quanto questa prevenzione ne renderebbe più efficace la lettura. La moltiplicità e l’eccellenza delle opere che son comparse in questo genere presso tutte le nazioni, ed in tutte le lingue dell’Europa, renderebbe molto facile la collezione di questi romanzi d’educazione che io propongo. Gli effetti e i vantaggi, che ne produrrebbe la lettura, sono noti a chiunque conosca la forza dei sentimenti e l’influenza che questi aver possono sulla formazione del carattere e sullo sviluppo delle passioni.»