Apri il menu principale

il manzoni poeta drammatico. 163

     Rabbiosa, insopportabile, dal cielo
     Essa ci viene, e l’accompagna il cielo
     Con tal conforto, che nè dar nè tòrre
     Gli uomini ponno.


Così sono uscite dal cuore di un marito credente, del Manzoni, in somma, queste belle e solenni ultime parole, con le quali il Conte raccomanda la moglie e la figlia al Gonzaga:

                    Quando rivedran la luce,
     Di’ lor.... che nulla da temer più resta.


Poco, lo ripeto, sappiamo, pur troppo, della vita del Manzoni in quegli anni che corsero dal suo matrimonio alla pubblicazione del Conte di Carmagnola e dell’Adelchi; ma forse non andremmo troppo lontani dal vero, supponendo che alcun grande dolore abbia agitato l’animo del Manzoni nel tempo, in cui, venduto il Caleotto, egli scrisse le sue tragedie1 ed incominciò il pro-

  1. Sopra la lentezza relativa del Manzoni nel preparare le sue tragedie il Sainte-Beuve ci diede questi schiarimenti: «Il Manzoni, tutti lo sanno, lavorava le sue tragedie lentissimamente. Questa lentezza, che può dipendere da diverse cagioni, come per esempio dalla delicatezza di un’organizzazione nervosa, la quale si può trovare impedita a tener sempre dietro alla fantasia e all’intelletto, questa lentezza considerata in sè stessa non sarà forse cosa lodevole. Ma ciò che sicuramente merita lode, e vuolsi anzi proporre ad esempio, è la coscienza adoperata da lui nel preparare i materiali, e nello studiare gli argomenti delle sue composizioni. Sarebbe difficile il dire quel ch’abbia fatto per l’Adelchi, di cui cominciò ad occuparsi sul serio, dopo il suo ritorno da Parigi a Milano, negli ultimi mesi del 1820. Egli si accinse a studiare da storico, emulando gli uomini, coi quali aveva fin’allora conferito, tutto ciò che potè trovare nelle cronache sulle circostanze della dominazione e dello stato de’ Lombardi in Italia.