Apri il menu principale

Gl’Inni Sacri e la morale cattolica. 135

idee, impedisce per altro che la sua poesia riesca popolare, e le toglie molta parte di quell’impeto lirico e di quel calore che si comunica, tanto necessario ad ogni poesia, ma alla lirica religiosa in modo specialissimo. Il Manzoni giovine fece opera da vecchio, costringendo in linguaggio matematico le verità della religione che gli eran nuovamente apparse in modo luminoso, quasi egli volesse porsele innanzi, ed estrinsecarsele in una forma più precisa per potersi meglio persuadere della loro realtà e più durevolmente contemplarle ed adorarle. Ma ci sembra di non rischiar troppo, dicendo come il Manzoni vecchio, innamorato com’egli è e maestro nelle bellezza del linguaggio popolare, se dovesse oggi cantar la religione, sceglierebbe una via opposta a quella ch’ei tenne in gioventù, escludendo ogni parola equivoca che il popolo non potesse comprendere da sè ed ogni trasposizione men naturale di parole, per riuscire subito al desiderato effetto di dare al popolo un canto che non muoia appena recitato, che si diffonda senza bisogno d’interpreti, e che consoli veramente chi si muove a cantarlo.»

Ma, nell’ordine specialmente de’ pensieri religiosi volendo sollevare l’espressione all’altezza del pensiero e chiudere quest’ultimo in una forma sacra ed immobile, che non gli permetta di deviare ad alcun senso profano, o l’espressione manca od assume un carattere mistico che non può riuscir popolare. L’età nostra non è punto mistica; il Manzoni dovea sentirlo più d’ogni altro. Per un verso egli voleva credere, e per rendersi degno della propria fede si adoprava ad