Apri il menu principale

Pagina:Manzoni.djvu/128

126 la conversione.

dersi cura della vostra anima, che vogliono cacciarvi in corpo la loro maniera di pensare.» Due anni dopo aver levato questo vivo lamento, Alessandro Manzoni doveva egli stesso cadere in cura d’anima, ed il tristo frutto di questo stato di forzata docilità, alla quale egli si sottomise, fu una sterilità intellettuale che durò quasi dieci anni, 1808-1818, e, per l’appunto i dieci anni più belli della sua vita, ne’ quali con molto stento, con molti pentimenti, il Manzoni riuscì a pena a mettere insieme quattro Inni sacri, due Parodie letterarie e due povere e stentate Canzoni politiche di genere classico. Si dirà: in quegli anni, egli si godette le sue prime gioie domestiche, ed attese a’ suoi affari un po’ imbrogliati ed alle cure agrarie, ed è vero; ma nè le une nè le altre hanno mai impedita la manifestazione del genio. Il Manzoni ebbe, pur troppo, in quegli anni un’idea fissa, che non era la sua, un’idea che gli aveano messa; e quando v’ha un’idea fissa, tutte le altre idee, per quante siano, e per quanto originali, non trovano l’opportunità e l’agevolezza di manifestarsi. L’idea fissa era ch’egli dovesse come scrittore diventare il poeta e l’apologista della religione cattolica, o non iscrivere più.