Apri il menu principale
120 l’urania — l’idillio manzoniano.

poema una Vergine che le somigliava, da lui conosciuta sui colli orobii, in una villa del Bergamasco: siamo, ove precisamente egli conobbe la sua Enrichetta Blondel. Il suo matrimonio con essa si celebrò in Milano il 6 febbraio dell’anno 1808 innanzi all’ufficiale civile. Enrichetta Blondel aveva sedici anni, era nata a Casirate, apparteneva ad una famiglia di origine ginevrina, di confessione evangelica riformata, onde nel giorno stesso in cui celebravasi il matrimonio civile, veniva in Milano da Bergamo il pastore protestante Giovanni Gaspare Degli Orelli a benedire quelle nozze evangelicamente; testimone dello sposo era non solo un cattolico, ma un prete, il sacerdote Francesco Zinammi (o Zinamini?). Dopo le nozze, gli sposi partirono

             E in cui prepara, ahi, per chi dunque! Venere
             I casti baci e le punture ardite
             E le dolci ferite.


    Non giova al Poeta il suo proposito, fatto nel Carme per l’Imbonati, di voler seguire la dottrina di Zenone; l’Amore lo ferì; egli è invitato ad amare e a cantare d’amore, quando per l’appunto ben più alti soggetti e più fieri gli occupavano la mente; Amore non vuole, egli esclama:

        . . . . . . . . . . ch’io canti rossa
             Di sangue Italia, onde ancor pochi godano;
             Nè di plebe commossa
             Le feroci vendette ed i terribili
             Brevi furori, e i rovesciati scanni
             Dei tremanti tiranni.


    Il Poeta, come nell’Urania, cede alle grazie di Venere, e, per essa, lascia le cure della politica. Notiamo ora questa sua prima confessione poetica, perchè essa ci potrà aiutare, in appresso, a comprender meglio le sue tragedie ed il suo romanzo, e a scusare, in parte, il Manzoni della poca parte attiva ch’egli prese con la sua persona alle vicende politiche Italiane, alle quali diede pure co’ suoi proprii scritti pieni d’efficacia educativa una spinta così gagliarda.