Pagina:Letturecommediagelli.djvu/160


distesamente il Landino. E questa avarizia, dice ultimamente il Poeta, sarà tanto perseguitata da la liberalità di costui per ogni villa, cioè per ogni luogo (o vogliamo intendere, secondo la lingua franzese, per ogni città), ch'ei la rimetterà nell'Inferno, donde la dipartì e cavò primieramente la invidia che porta lo inimico de l'umana natura a l'uomo. E qui, posto ultimamente Virgilio fine al ragionare più di costui, si volse verso Dante; e cominciò a parlare a lui propio quel che voi udirete, concedendolo Dio; in quest'altra lezione.





_____________