Pagina:Leopardi - La virtù indiana, manoscritto, 1811.djvu/55

Tu regger sappi di Golconda il freno

Tu ricondurre al popolo smarrito
La sospirata pace; il suo conforto
Ei riconosca in te; dalle ruine695
Sorga l’arsa cittade, al campo incolto
Ritorni l’arator, torni il guerriero
A l’armi abbandonate, in ogni ciglio
Tergasi il pianto alfin, cessi sul labbro
Il dolente sospir, dai mesti petti700
Fugga l’affanno, e il duol...


Scena Settima
Osnam, e detti.


Osnam.  T’affretta, o Prence,
Del regno i voti a secondar, ciascuno
Te sul trono desìa, cinto è d’intorno
Quest’albergo regal d’ansiose turme,
De’ tuoi fidi l'acci lo stuol tra queste mura705
Già raccolto t’attende, ogni ritardo
Fora al popolo odioso.
Amet-Schah.  Amici, al trono