Pagina:Leopardi - La virtù indiana, manoscritto, 1811.djvu/35

Vergognosa viltà! s’innoltra è vero

L’armato stuol di queste mura a fronte,
385Ma non siam vinti ancor, nò non si ceda
Sì tosto al rio destin, questo il peggiore
Sarìa de’ nostri mali; il tutto puote
Inconcusso valor, delle nemiche
Armate schiere a fronte il nostro ardore
390L’opre di questa destra or or vedrai.


Scena Quarta
Ibraimo, e detti.


Muhamed.Che mai reca Ibraim?
Ibraimo.  Signor, s’avvanza
De’ Maratti lo stuol ver queste mura
Armi, faci raccoglie, e or or saremo
Assaliti in Delly: nunzii pur ora
Giunser dal campo esploratori, e a noi395
Noto fero il periglio. Il tutto a l’uopo
Nizam dispose omai, ferrate sbarre
Assicurar l’aenee porte a l’alte
Mura difesa, e scudo in su l’eccelsa