Pagina:Leopardi - La virtù indiana, manoscritto, 1811.djvu/32

Come del popol tutto?...

Muhamed. Ah di questo
Smarrito cuor con sì funesta immago330
Non accrescer, mio fido, il grave affanno
Troppo il dolor del popol mio m’è noto.
De’ Maratti il destin, del regno il fato
Dubbioso pende dell’armate squadre
Da l’opposto valor: vinto, e sconfitto335
L’amico stuol, fra le ruine avvolto
Il mio regno sarà: dispersa uccisa
De’ Maratti la turba, al fausto raggio
Di felice destin, d’amica sorte
Da le ceneri sue sorger vedrai340
Lo smarrito valor, l’ardir perduto
D’Omar nel popol tutto, il ferro, il fuoco
Spinger potremo allor de la nemica
Persia guerriera in sen, fiaccar l’orgoglio
Degli alteri Sofì scuotere il giogo,345
Che insoffribil ci opprime, e in ogni dove
Lo spavento arrecar, l’orror de l’armi.