Pagina:Leopardi - La virtù indiana, manoscritto, 1811.djvu/20

135Or or saprà: Nizam s’appressa, intanto

Ricuopra un doppio velo i dubbj miei.


Scena Quinta.
Nizam, e detto.


Osnam. Amico, hai vinto d’Ibraim le voci
Noti mi fero i tuoi disegni, e in essi
Ben ravvisai del tuo gran cuor l’immago;
140Del tuo fido il parlar trionfa in questa
Incerta mente, che riscossa alfine
I suoi dubbj scacciò: fedel compagno
Sempre a lato mi avrai ne’ tuoi perigli
Questa mia destra, e questo ferro ognora
Pronti saranno al tuo volere.
Nizam.   Omai 145
Io più non bramo, o fido amico, indarno
Il nostro arcano a te sarìa nascoso
M’è noto il tuo valor perduto avremmo
Tacendo ogni opra tua; vindice invitto
150Sarai di libertà, che troppo, o amico,
È a nobil cuor la servitù penosa,