Pagina:Leopardi - La virtù indiana, manoscritto, 1811.djvu/12


ATTO PRIMO

Appartamenti Reali

Scena Prima
Muhamed, e Nizam.


Muhamed. Ah no, mio fido, del mio cuore oppresso
L’affanno mitigar tu cerchi invano,
Il mio regno cadrà, troppo di forze
Manca, e d’ardire il popolo smarrito:
5In quel funesto dì, che d’armi vide
Cinto, e d’armati Koulikam feroce
Trionfar vittorioso, e dure leggi
Imporre al popol mio sconfitto, e vinto,
Vacillò questo trono, in fronte mia
10Tremò, si scosse la regal corona,
E l’onta, e il danno ne risente ancora.
Tutto geme il Mogol; piange la Sposa
Il perduto consorte, Orfano cerca
Il fanciullo infelice il caro Padre;
15Manca aratore al suol, guerriero al campo;
E qual presidio, o Numi, e qual difesa