Pagina:Leonardo - Trattato della pittura, 1890.djvu/253


PARTE QUINTA.


DELL’OMBRA E LUME, E DELLA PROSPETTIVA



533. Che cosa è ombra.


L’ombra, nominata per il proprio suo vocabolo, è da esser chiamata alleviazione di lume applicato alla superficie de’ corpi, della quale il principio è nel fine della luce, ed il fine è nelle tenebre.


534. Che differenza è da ombra a tenebre.

La differenza che è da ombre a tenebre è questa, che l’ombra è alleviamento di luce, e tenebre è integralmente privamento di essa luce.


535. Da che deriva l’ombra.

L’ombra deriva da due cose dissimili l’una dall’altra, imperocchè l’una è corporea, e l’altra spirituale: corporea è il corpo ombroso, spirituale è il lume; adunque lume e corpo son cagione dell’ombra.


536. Dell’essere dell’ombra per sè.

L’ombra è della natura delle cose universali, che tutte sono più potenti nel principio, e inverso il fine indeboliscono: dico nel principio di ogni forma e qualità