Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/92


P A R T E. 9

SONETTO XI.


SE la mia vita dall’aspro tormento
     Si può tanto schermire, e dagli affanni,
     Ch’i’ veggia per vertù degli ultim’anni,
     4Donna, de’ be’ vostr’occhi il lume spento:
E i cape’ d’oro fin farsi d’argento,
     E lassar le ghirlande, e i verdi panni,
     E ’l viso scolorir che ne’ miei danni
     8A lamentar mi fa pauroso, e lento:
Pur mi darà tanta baldanza Amore,
     Ch’i’ vi discovrirò, de’ mei martìri
     11Qua’ sono stati gli anni, e i giorni e l’ore.
E se ’l tempo è contrario ai be’ desiri;
     Non fia ch’almen non giunga al mio dolore
     14Alcun soccorso di tardi sospiri.



SONETTO XII.


QUando fra l’altre donne ad ora ad ora
     Amor vien nel bel viso di costei;
     Quanto ciascuna è men bella di lei,
     4Tanto cresce il desio che m’innamora.
I’ benedico il loco, e ’l tempo, e l’ora,
     Che sì alto miraron gli occhi mei;
     E dico: Anima, assai ringraziar dei,
     8Che fosti a tanto onor degnata allora.
Da lei ti vien l’amoroso pensero,
     Che mentre ’l segui, al sommo ben t’invia,
     11Pocho prezzando quel ch’ogni uom desia:
Da lei vien l’animosa leggiadria,
     Ch’al ciel ti scorge per destro sentero;
     14Sì ch’i’ vo già de la speranza altero.