Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/50


DEL PETRARCA. li

SONETTO


Ritrovato nella sepoltura di Madonna Laura in Avignone del 1533. 1


QUi giaccion quelle caste, e felici ossa
     Di quell’alma gentile, e sola in terra.
     Aspro e dur sasso, or ben teco hai sotterra
     Il vero onor, la fama, e beltà scossa.
Morte ha del verde Lauro svelta, e mossa
     Fresca radice, e ’l premio di mia guerra
     Di quattro lustri, e più; s’ancor non erra
     Mio pensier tristo; e ’l chiude in poca fossa.
Felice pianta in borgo d’Avignone
     Nacque, e morì; e qui con ella giace
     Ma penna, e ’l stil, l’inchiostro, e la ragione.
O delicati membri, o vita face,
     Ch’ancor mi cuoci, e struggi! inginocchione
     Ciascun preghi ’l Signor t’accetti in pace.


Carmina Petrarcæ in Funeræ Electæ Matris.


SUscipe funereum, genitrix sanctissima, cantum,
Atque aures adverte pias, si præmia cælo
Digna fenens virtus, alios non sperint honores.
Quid tibi pollicear? nisi quod velut alta Tonantis

  1. Se qui non ha errore, convien dire che vi sia nella data della lettera del Beccatelli, e che in vece di 1540 debba leggersi 1558. quando questo sonetto si sia ritrovato 25 anni avanti, come agli afferma a carte xiii. lin. 7. V. a c. lvi. e poi alle xix.

C 2 Regna