Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/335


15Mia patïentia, e ’n odio ebbi la vita.
Così ’l mio tempo infin qui trapassato
È in fiamma e ’n pene: et quante utili honeste
Vie sprezzai, quante feste,
Per servir questo lusinghier crudele!
20Et qual ingegno à sì parole preste,
Che stringer possa ’l mio infelice stato,
Et le mie d’esto ingrato
Tanto et sì gravi e sì giuste querele?
O poco mèl, molto aloè con fele!
25In quanto amaro à la mia vita avezza
Con sua falsa dolcezza,
La qual m’atrasse a l’amorosa schiera!
Che s’i’ non m’inganno, era
Disposto a sollevarmi alto da terra:
30E’ mi tolse di pace et pose in guerra.
Questi m’à fatto men amare Dio
Ch’i’ non deveva, et men curar me stesso:
Per una donna ò messo
Egualmente in non cale ogni pensero.
35Di ciò m’è stato consiglier sol esso,
Sempr’aguzzando il giovenil desio
A l’empia cote, ond’io
Sperai riposo al suo giogo aspro et fero.
Misero, a che quel chiaro ingegno altero,
40Et l’altre doti a me date dal cielo?
Chè vo cangiando ’l pelo,
Nè cangiar posso l’ostinata voglia:
Così in tutto mi spoglia
Di libertà questo crudel ch’i’ accuso,
45Ch’amaro viver m’à vòlto in dolce uso.
Cercar m’à fatto deserti paesi,
Fiere et ladri rapaci, hispidi dumi,
Dure genti et costumi,
Et ogni error che’ pellegrini intrica,
50Monti, valli, paludi et mari et fiumi,