Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/326


P A R T E. 243

SONETTO CCXCVI.


DOlce mio caro et precïoso pegno,
     Che natura mi tolse, e ’l Ciel mi guarda,
     Deh come è tua pietà ver me sì tarda,
     4O usato di mia vita sostegno?
Già suo’ tu far il mio sonno almen degno
     De la tua vista, et or sostien’ ch’i’ arda
     Senz’alcun refrigerio: et chi ’l retarda?
     8Pur lassù non alberga ira nè sdegno:
Onde qua giuso un ben pietoso core
     Talor si pasce delli altrui tormenti,
     11Sì ch’elli è vinto nel suo regno Amore.
Tu che dentro mi vedi, e ’l mio mal senti,
     Et sola puoi finir tanto dolore,
     14Con la tua ombra acqueta i miei lamenti.


SONETTO CCXCVII.


DEh qual pietà, qual angel fu sì presto
     A portar sopra ’l cielo il mio cordoglio?
     Ch’anchor sento tornar pur come soglio
     4Madonna in quel suo atto dolce honesto
Ad acquetare il cor misero et mesto,
     Piena sì d’umiltà, vòta d’orgoglio,
     E ’nsomma tal ch’a morte i’ mi ritoglio,
     8Et vivo, e ’l viver più non m’è molesto.
Beata s’è, che pò beare altrui
     Co la sua vista, over co le parole,
     11Intellecte da noi soli ambedui:
Fedel mio caro, assai di te mi dole,
     Ma pur per nostro ben dura ti fui,
     14Dice; e cos’altre d’arrestar il Sole.