Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/321

238 S E C O N D A

     Et però mi son mosso a pregar Morte
     Che mi tolla di qui, per farme lieto,
     60Ov’è colei ch’i’ canto et piango in rime.
Se sì alto pôn gir mie stanche rime,
     Ch’agiungan lei ch’è fuor d’ira et di pianto,
     Et fa ’l ciel or di sue bellezze lieto,
     Ben riconoscerà ’l mutato stile,
     65Che già forse le piacque anzi che Morte
     Chiaro a lei giorno, a me fesse atre notti.
O voi che sospirate a miglior’ notti,
     Ch’ascoltate d’Amore o dite in rime,
     Pregate non mi sia più sorda Morte,
     70Porto de le miserie et fin del pianto;
     Muti una volta quel suo antiquo stile,
     Ch’ogni uom attrista, et me pò far sì lieto.
Far mi può lieto in una o ’n poche notti:
     E ’n aspro stile e ’n angosciose rime
     75Prego che ’l pianto mio finisca Morte.


SONETTO CCLXXXVII.


ITe, rime dolenti, al duro sasso
     Che ’l mio caro thesoro in terra asconde,
     Ivi chiamate chi dal ciel risponde,
     4Benchè ’l mortal sia in loco oscuro et basso.
Ditele ch’i’ son già di viver lasso,
     Del navigar per queste horribili onde;
     Ma ricogliendo le sue sparte fronde,
     8Dietro le vo pur così passo passo,
Sol di lei ragionando viva et morta,
     Anzi pur viva, et or fatta immortale,
     11A ciò che ’l mondo la conosca et ame.
Piacciale al mio passar esser accorta,
     Ch’è presso omai; siami a l’incontro, et quale
     14Ella è nel cielo a sè mi tiri et chiame.