Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/320


Or m’è ’l pianger amaro più che morte,
Non sperando mai ’l guardo honesto et lieto,
Alto sogetto a le mie basse rime.
25Chiaro segno Amor pose a le mie rime
Dentro a’ belli occhi, et or l’à posto in pianto,
Con dolor rimembrando il tempo lieto:
Ond’io vo col penser cangiando stile,
Et ripregando te, pallida Morte,
30Che mi sottragghi a sì penose notti.
Fuggito è ’l sonno a le mie crude notti,
E ’l suono usato a le mie roche rime,
Che non sanno trattar altro che morte,
Così è ’l mio cantar converso in pianto.
35Non à ’l regno d’Amor sì vario stile,
Ch’è tanto or tristo quanto mai fu lieto.
Nesun visse già mai più di me lieto,
Nesun vive più tristo et giorni et notti;
Et doppiando ’l dolor, doppia lo stile
40Che trae del cor sì lagrimose rime.
Vissi di speme, or vivo pur di pianto,
Nè contra Morte spero altro che Morte.
Morte m’à morto, et sola pò far Morte
Ch’i’ torni a riveder quel viso lieto
45Che piacer mi facea i sospiri e ’l pianto,
L’aura dolce et la pioggia a le mie notti,
Quando i penseri electi tessea in rime,
Amor alzando il mio debile stile.
Or avess’io un sì pietoso stile
50Che Laura mia potesse tôrre a Morte,
Come Euridice Orpheo sua senza rime,
Ch’i’ vivrei anchor più che mai lieto!
S’esser non pò, qualchuna d’este notti
Chiuda omai queste due fonti di pianto.
55Amor, i’ ò molti et molt’anni pianto
Mio grave danno in doloroso stile,
Nè da te spero mai men fere notti: