Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/297

214 S E C O N D A

SONETTO CCLVIII.


OV’è la fronte, che con picciol cenno
     Volgea il mio core in questa parte e ’n quella?
     Ov’è ’l bel ciglio, et l’una et l’altra stella
     4Ch’al corso del mio viver lume denno?
Ov’è ’l valor, la conoscenza e ’l senno?
     L’accorta, honesta, humil, dolce favella?
     Ove son le bellezze accolte in ella,
     8Che gran tempo di me lor voglia fenno?
Ov’è l’ombra gentil del viso humano
     Ch’òra et riposo dava a l’alma stanca,
     11Et là ’ve i miei pensier’ scritti eran tutti?
Ov’è colei che mia vita ebbe in mano?
     Quanto al misero mondo, et quanto manca
     14Agli occhi miei che mai non fien asciutti!



SONETTO CCLIX.


QUanta invidia io ti porto, avara terra,
     Ch’abbracci quella cui veder m’è tolto,
     Et mi contendi l’aria del bel volto,
     4Dove pace trovai d’ogni mia guerra!
Quanta ne porto al ciel, che chiude et serra
     Et sì cupidamente à in sè raccolto
     Lo spirto da le belle membra sciolto,
     8Et per altrui sì rado si diserra!
Quanta invidia a quell’anime che ’n sorte
     Ànno or sua santa et dolce compagnia
     11La qual io cercai sempre con tal brama!
Quant’a la dispietata et dura Morte,
     Ch’avendo spento in lei la vita mia,
     14Stassi nè suoi begli occhi, et me non chiama!