Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/230


P A R T E. 147

SONETTO CLXIII.


L’Aura serena che fra verdi fronde
     Mormorando a ferir nel volto viemme;
     Fammi risovenir quand’Amor diemme
     4Le prime piaghe, sì dolci, e profonde;
E ’l bel viso veder ch’altri m’asconde;
     Che sdegno, o gelosia celato tiemme;
     E le chiome or avvolte in perle, e ’n gemme,
     8Allora sciolte, e sovra or terso bionde:
Le quali ella spargea sì dolcemente,
     E raccogliea con sì leggiadri modi,
     11Che ripensando ancor trema la mente.
Torsele il tempo po' in più saldi nodi;
     E strinse ’l cor d’un laccio sì possente,
     14Che Morte sola fia ch’indi lo snodi.



SONETTO CLXIV.


L’Aura celeste che ’n quel verde Lauro
     Spira ov’Amor ferì nel fianco Apollo,
     Ed a me pose un dolce giogo al collo,
     4Tal, che mia libertà tardi restauro;
Può quello in me che nel gran vecchio Mauro
     Medusa, quando in selce trasformollo:
     Ne posso dal bel nodo omai dar crollo,
     8Là ’ve'l Sol perde, non pur l’ambra, o l’auro:
Dico le chiome bionde, e ’l crespo laccio
     Che sì soavemente lega, e stringe
     11L’alma, che d’umiltate, e non d’altr’armo.
L’ombra sua sola fa ’l mio core un ghiaccio,
     E di bianca paura il viso tinge:
     14Ma gli occhi hanno virtù di farne un marmo.