Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/210


P A R T E. 127

SONETTO CXXIII.


I Vidi in terra angelici costumi,
     E celesti bellezze al mondo sole,
     Tal, che di rimembrar mi giova, e dole,
     4Che quant’io miro, par sogni, ombre, e fumi:
E vidi lagrimar que’ duo bei lumi,
     C’han fatto mille volte invidia al Sole:
     E udì sospirando dir parole
     8Che farian gire i monti, e stare i fiumi.
Amor, senno, valor, pietate, e doglia
     Facean piangendo un più dolce concento
     11D’ogni altro che nel mondo udir si soglia:
Ed era 'l cielo all’armonia sì 'ntento,
     Che non se vedea in ramo mover foglia;
     14Tanta dolcezza avea pien l’aere, e ’l vento.



SONETTO CXXIV.


QUel sempre acerbo, ed onorato giorno
     Mandò sì al cor l’immagine sua viva;
     Che ’ngegno, o stil non fia mai che ’l descriva:
     4Ma spesso a lui con la memoria torno.
L’atto d’ogni gentil pietate adorno,
     E ’l dolce amaro lamentar ch’i’ udiva,
     Facean dubbiar, se mortal donna, o diva
     8Fosse che ’l ciel rasserenava intorno.
La testa or' fino; e calde neve il volto;
     Ebeno i cigli; e gli occhi eran due stelle,
     11Ond'Amor l’arco non tendeva in fallo;
Perle, e rose vermiglie, ove l’accolto
     Dolor formava ardenti voci, e belle;
     14Fiamma i sospir, le lagrime cristallo.