Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/205

122 P R I M A

SONETTO CXIV.


O d’ardente vertute ornata, e calda
     Alma gentil, cui tante carte vergo;
     O sol già d’onestate intero albergo,
     4Torre in alto valor fondata, e salda;
O fiamma, o rose sparse in dolce falda
     Di viva neve, in ch’io mi specchio, e tergo;
     O piacer' onde l’ali al bel viso ergo,
     8Che luce sovra quanti 'l Sol ne scalda;
Del vostro nome, se mie rime intese
     Fossin sì lunge, avrei pien Tile, e Battro,
     11La Tana, il Nilo, Atlante, Olimpo, e Calpe:
Poi che portar nol posso in tutte quattro
     Parti del mondo; udrallo il bel paese
     14Ch’Appennin parte, e ’l mar circonda, e l’Alpe
.



SONETTO CXV.


QUando ’l voler che con duo sproni ardenti,
     E con un duro fren mi mena, e regge,
     Trapassa ad or' ad or l’usata legge
     4Per far in parte i miei spirti contenti;
Trova chi le paure, e gli ardimenti
     Del cor profondo ne la fronte legge;
     E vede Amor, che sue imprese corregge,
     8Folgorar ne’ turbati occhi pungenti:
Onde, come colui che ’l colpo teme
     Di Giove irato; si ritragge indietro;
     11Che gran temenza gran desire affrena:
Ma freddo foco, e paventosa speme
     Dell’alma, che traluce come un vetro,
     14Talor sua dolce vista rasserena.