Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/199

116 P R I M A

SONETTO CV.


FIamma dal ciel su le tue treccie piova,
     Malvagia; che dal fiume, e dalle ghiande
     Per l’altrui impoverir se ricca, e grande;
     4Poi che di mal’ oprar tanto ti giova:
Nido di tradimenti, in cui si cova
     Quanto mal per lo mondo oggi si spande:
     De vin serva, di letti, e di vivande;
     8In cui lussuria fa l’ultima prova.
Per le camere tue fanciulle, e vecchi
     Vanno trescando, e Belzebub in mezzo
     11Co’ mantici, e col foco, e con gli specchi,
Già non fostu nudrita in piume al rezzo,
     Ma nuda al vento, e scalza fra gli stecchi:
     14Or vivi sì ch’a Dio ne venga il lezzo.


SONETTO CVI.


LAvara Babilonia ha colmo ’l sacco
     D’ira di Dio, e di vizj empj e rei
     Tanto, che scoppia; ed ha fatti suoi dei
     4Non Giove, e Palla, ma Venere, e Bacco.
Aspettando ragion mi struggo, e fiacco:
     Ma pur novo Soldan veggio per lei;
     Lo qual farà, non già quand’io vorrei,
     8Sol’ una fede, e quella fia in Baldacco.
Gl’idoli suoi saranno in terra sparsi,
     E le torri superbe al ciel nemiche;
     11E i suoi torrier di for, come dentr’, arsi.
Anime belle, e di virtute amiche
     Terranno ’l mondo; e poi vedrem lui farsi
     14Aureo tutto, e pien dell’opre antiche.