Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/173

90 P R I M A

SONETTO XCIII.


PIen di quella ineffabile dolcezza
     Che del bel viso trassen gli occhi miei
     Nel dì che volentier chiusi gli avrei
     4Per non mirar già mai minor bellezza;
Lassai quel ch’i ’più bramo: ed ho sì avvezza
     La mente a contemplar sola costei;
     Ch’altro non vede; e ciò che non è lei,
     8Già per antica usanza odia, e disprezza.
In una valle chiusa d’ogn’intorno,
     Ch’è refrigerio de’ sospir miei lassi,
     11Giunsi sol com Amor pensoso, e tardo:
Ivi non donne, ma fontane, e sassi,
     E l’immagine trovo di quel giorno
     14Che ’l pensier mio figura, ovunq; io sguardo.



SONETTO XCIV.


SE ’l sasso, ond’è più chiusa questa valle,
     Di che ’l suo proprio nome si deriva,
     Tenesse vòlto per natura schiva
     4A Roma il viso, ed a Babel le spalle;
I miei sospiri più benigno calle
     Avrian per gire ove lor spene è viva:
     Or vanno sparsi; e pur ciascuno arriva
     8Là dov’io il mando; che sol un non falle:
E son di Jà sì dolcemente accolti,
     Com’io m’accorgo; che nessun mai torna;
     11Con tal diletto in quelle parti stanno.
Degli occhi è ’l duol, che tosto che s’aggiorna,
     Per gran desio de’ be’ luoghi a lor tolti,
     14Danno a me pianto, ed a’ piè lassi affanno.