Pagina:Le rime di M. Francesco Petrarca I.djvu/162


P A R T E. 79

SONETTO LXXVII.


ORso, al vostro destrier si può ben porre
     Un fren, che di suo corso indietro il volga;
     Ma ’l cor chi legherà, che non si sciolga;
     4Se brama onore, e ’l suo contrario abborre?
Non sospirate: a lui non si può torre
     Suo pregio, perch’a voi l’andar si tolga;
     Che, come fama pubblica divolga,
     8Egli è già là, chè null’altro il precorre.
Basti che si ritrove in mezzo ’l campo
     Al destinato dì, sotto quell’arme
     11Che gli dà il tempo, Amor, vurtute, e ’l sangue;
Gridando, D’un gentil desire avampo
     Col signor mio, che non può seguitarme;
     14E del non esser qui si strugge e langue.



SONETTO LXXVIII.


POi che voi, ed io più volte abbiam provato,
     Come ’l nostro sperar torna fallace;
     Dietr'a quel sommo ben che mai non spiace,
     4Levate 'l core a più felice stato.
Questa vita terrena è quasi un prato,
     Che ’l serpente tra’ fiori, e l’erba giace;
     E s’alcuna sua vista agli occhi piace,
     8È per lassar più l’animo invescato.
Voi dunque, se cercate aver la mente
     Anzi l’estremo dì queta giammai,
     11Seguite i pochi, e non la volgar gente.
Ben si può dire a me; Frate, tu vai
     Mostrando altrui la via, dove sovente
     14Fosti smarrito, ed or se’ più che mai.