Apri il menu principale


dunque una tal barca venirsene con mediocre velocità per la Laguna, portando placidamente l’acqua della quale ella sia piena, ma che poi, o per dare in secco o per altro impedimento che le sia opposto, venga notabilmente ritardata; non perciò l’acqua contenuta perderà, al pari della barca, l’impeto già concepito, ma, conservandoselo, scorrerà avanti verso la prua, dove notabilmente si alzerà, abbassandosi dalla poppa: ma se, per l’opposito, all’istessa barca nel mezo del suo placido corso verrà con notabile agumento aggiunta nuova velocità, l’acqua contenuta, prima di abituarsene, restando nella sua lentezza, rimarrà indietro, cioè verso la poppa, dove in conseguenza si solleverà, abbassandosi dalla prua. Questo effetto è indubitato e chiaro, e puossi a tutte l’ore esperimentare; nel quale voglio che notiamo per adesso tre particolari. Il primo è, che per fare alzar l’acqua in una dell’estremità del vaso, non ci è bisogno di nuova acqua, né che ella vi corra partendosi dall’altra estremità. Il secondo è, che l’acqua di mezo non si alza né abbassa notabilmente, se già il corso della barca non fusse velocissimo, e l’urto o altro ritegno che la ritenesse, gagliardissimo e repentino, nel qual caso potrebbe anco tutta l’acqua non pure scorrer avanti, ma per la maggior parte saltar fuor della barca; e l’istesso anco farebbe quando, mentre ella lentamente camminasse, improvvisamente gli sopraggiugnesse un impeto violentissimo: ma quando ad un suo moto quieto sopraggiunga mediocre ritardamento o incitazione, le parti di mezo (come ho detto) inosservabilmente si alzano e si abbassano; e le altre parti, secondo che son piú vicine al mezo, meno si alzano, e piú le piú lontane. Il terzo è, che dove le parti intorno al mezo poca mutazione fanno nell’alzarsi ed abbassarsi rispetto all’acque delle parti estreme, all’incontro scorron molto innanzi e in dietro, in comparazion dell’estreme. Ora, signori miei, quello che fa la barca rispetto all’acqua contenuta da essa, e quello che fa l’acqua contenuta rispetto alla barca, sua contenente, è l’istesso a capello che quel che fa il vaso Mediterraneo rispetto l’acque da esso contenute, e che fanno l’acque contenute rispetto al vaso Mediterraneo, lor contenente. Séguita ora che dimostriamo, come ed in qual maniera sia vero che il Mediterraneo e tutti gli altri seni, ed in somma tutte le parti della Terra, si muovano di moto notabilmente difforme, benché movimento nessuno che regolare ed uniforme non sia, venga a tutto l’istesso globo assegnato.


Simplicio