Apri il menu principale


d’Aristotile, perché egli ancora concede a i misti moto composto etc.
Sagredo

Fermate un poco, signor Simplicio, e rispondetemi all’interrogazioni ch’io vi farò. Voi dite che la calamita non è corpo semplice, ma è un misto: ora io vi domando quali sono i corpi semplici che si mescolano nel compor la calamita.


Simplicio

Io non vi saprò dire gl’ingredienti né la dose precisamente, ma basta che sono corpi elementari.


Sagredo

Tanto basta a me ancora. E di questi corpi semplici elementari quali sono i moti loro naturali?


Simplicio

Sono i due semplici retti, sursum et deorsum.


Sagredo

Ditemi appresso: credete voi che ’l moto che resterà naturale di tal corpo misto debba essere uno che possa risultare dal componimento de i due moti semplici naturali de i corpi semplici componenti, o pur che possa esser anco un moto impossibile a comporsi di quelli?


Simplicio

Credo che si moverà del moto risultante dal componimento de’ moti de’ corpi semplici componenti, e che d’un moto impossibile a comporsi di questi impossibil sia che si possa muovere.


Sagredo

Ma, signor Simplicio, con due moti retti semplici voi non comporrete mai un moto circolare, quali sono li due o i tre circolari diversi che ha la calamita. Vedete dunque in quali angustie conducono i mal fondati principii, o, per dir meglio, le mal tirate consequenze da principii buoni: che adesso sete costretto a dire che la calamita sia un misto composto di sustanze elementari e di celesti, se volete mantenere che ’l moto retto sia solo de gli elementi, e ’l circolare de’ corpi celesti. Però, se volete piú sicuramente filosofare, dite che de’ corpi integranti dell’universo, quelli che son per natura mobili, si muovon tutti circolarmente, e che però la calamita, come parte della verace primaria ed integral sustanza del nostro globo, ritien della medesima natura; ed accorgetevi con questa fallacia, che voi chiamate corpo misto la calamita, e corpo semplice il globo terrestre, il quale si vede sensatamente esser centomila volte piú composto, poiché, oltre il contenere mille e mille materie tra sé diversissime, contien egli gran copia di questa che voi chiamate mista, dico della calamita. Questo mi pare il medesimo, che se altri chiamasse il pane corpo misto, e corpo semplice l’ogliopotrida, nella quale entrasse