Apri il menu principale


niente inclinarsi o elevarsi le stelle fisse, cosí all’incontro, quando il medesimo asse della Terra si mantenesse continuamente con la medesima inclinazione verso il Sole, o vogliam dire verso l’asse del zodiaco, nissuna mutazione apparirebbe farsi nel Sole circa l’alzarsi e abbassarsi, onde gli abitatori dell’istesso luogo sempre avrebbero le medesime diversità de i giorni e delle notti e la medesima costituzione di stagioni, cioè altri sempre inverno, altri sempre state, altri primavera etc., ma all’incontro grandissima apparirebbe la mutazione nelle stelle fisse circa l’elevarsi ed inclinarsi a noi, che importerebbe i medesimi 47 gradi. Per intelligenza di che, torniamo a considerar lo stato della Terra nella prima figura, dove si vede l’asse A B co ’l polo superiore A inclinare verso il Sole; ma nella terza figura, avendo il medesimo asse conservata l’istessa direzione verso la sfera altissima, co ’l mantenersi parallelo a se stesso, non piú inclina verso ’l Sole co ’l polo superiore A, ma all’incontro reclina dal primiero stato gradi 47 ed inclina verso la parte opposta: sí che, per restituir la medesima inclinazione dell’istesso polo A verso ’l Sole, bisognerebbe, co ’l girar il globo terrestre secondo la circonferenza A C B D, trasportarlo verso E i medesimi 47 gradi; e per tanti gradi qualsivoglia stella fissa osservata nel meridiano apparirebbe essersi elevata o inclinata. Venghiamo adesso all’esplicazione di quel che resta, e consideriamo la Terra collocata nella quarta figura, cioè co ’l suo centro nel punto primo della Libra, onde il Sole apparirà nel principio dell’Ariete: e perché l’asse della Terra, che nella prima figura s’intende esser inclinato sopra il diametro Capricorno Granchio, e però esser nel medesimo piano che, segando il piano dell’orbe magno secondo la linea Capricorno Granchio, a quello fusse eretto perpendicolare, trasportato nella quarta figura, e mantenuto, come sempre si è detto, parallelo a se stesso, verrà ad esser in un piano pur eretto alla superficie dell’orbe magno e parallelo al piano che ad angoli retti sega la medesima superficie secondo ’l diametro Capricorno Granchio, e però la linea che dal centro del Sole va al centro della Terra, quale è la O Libra, sarà perpendicolare all’asse B A: ma la medesima linea che dal centro del Sole va al centro della Terra è sempre perpendicolare ancora al cerchio terminator della luce: però questo medesimo cerchio passerà per i poli A, B nella quarta figura,