Apri il menu principale


archi semidiurni son minori de i seminotturni. Vedesi ancora manifestamente, che le differenze di essi archi si vanno agumentando secondo che i paralleli son piú vicini a i poli, sin tanto che il parallelo I K resta tutto intero nella parte illuminata, e gli abitatori di esso hanno un giorno di ventiquattr’ore senza notte, ed all’incontro il parallelo L M, restando tutto nelle tenebre, ha una notte di ventiquattr’ore senza giorno. Venghiamo ora alla terza figura della Terra, posta co ’l suo centro nel punto Granchio, di dove il Sole apparisce essere nel primo punto di Capricorno: già manifestamente si vede, come per non aver l’asse A B mutata inclinazione, ma per essersi conservato parallelo a se stesso, l’aspetto e situazion della Terra è l’istesso a capello che quel della prima figura, salvo che quell’emisferio che nella prima era illuminato dal Sole, in questa resta nelle tenebre, e viene illuminato quello che nel primo posto era tenebroso; onde quello che accadeva prima circa le differenze de i giorni e delle notti, circa l’esser quelli maggiori o minori di queste, ora accade il contrario. E prima si vede, che dove nella prima figura il cerchio I K era tutto nella luce, ora è tutto nelle tenebre, e l’opposto L M ora è tutto nella luce, che prima era tutto tenebroso: dei paralleli tra ’l cerchio massimo C D e ’l polo A, sono ora gli archi semidiurni minori de i seminotturni, che prima erano il contrario: de gli altri parimente verso il polo B, sono ora gli archi semidiurni maggiori de i seminotturni, l’opposto di che accadeva nell’altro stato della Terra: vedesi ora il Sole fatto verticale a gli abitatori del tropico G N, ed essersi abbassato verso austro a quelli del parallelo E F per tutto l’arco E C G, cioè gradi 47, ed essere in somma passato dall’uno all’altro tropico traversando l’equinoziale, con alzarsi ed abbassarsi ne’ meridiani il detto spazio di gradi 47: e tutta questa mutazione deriva non dall’inclinarsi o elevarsi la Terra, ma all’incontro dal non si inclinare o elevar già mai, ed in somma dal conservarsi ella sempre nella medesima costituzione rispetto all’universo, solo co ’l circondare il Sole, situato nel mezo dell’istesso piano nel quale circolarmente se gli muove ella intorno co ’l movimento annuo. E qui è da notare un accidente maraviglioso, che è, che sí come il conservar l’asse della Terra la medesima direzione verso l’universo, o vogliamo dire verso la sfera altissima delle stelle fisse, fa che il Sole ci appare elevarsi ed inclinarsi per tanto spazio, cioè per gradi 47, e