Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/417


Ma non capisco già io come possa essere che voi non parlaste simulatamente, quando dicevi di non intender quella tal fallacia, la quale confessate ora di intender benissimo.
Sagredo

La confessione stessa d’intenderla può assicurarvi ch’io non simulavo, mentre dicevo di non l’intendere; perché quando io avessi voluto e volessi simulare, chi potria tenermi ch’io non continuassi nella medesima simulazione, negando tuttavia di intender la fallacia? Dico dunque che non l’intendevo allora, ma che ben la capisco al presente, mercé dell’avermi voi destato l’intelletto, prima co ’l dirmi risolutamente che ella non è nulla, e poi co ’l cominciare a interrogarmi cosí alla larga, che cosa fusse quella per la quale io conosceva la stazione e retrogradazione de’ pianeti: e perché questo si conosce dalla conferenza che si fa di essi con le stelle fisse, in relazion delle quali si veggono variare lor movimenti or verso occidente ed or verso oriente e tal ora restar come immobili, e perché sopra la sfera stellata non ve n’è altra immensamente piú remota, ed a noi visibile, con la quale possiamo conferir le nostre stelle fisse, però vestigio niuno possiamo noi scorger nelle fisse, che risponda a quello che ci apparisce ne’ pianeti. Questo penso io che sia quel tanto che voi mi volevi cavar di bocca.


Salviati

Questo è, con la giunta da vantaggio della vostra sottilissima arguzia. E se io con un piccol motto vi apersi la mente, voi con un altro fate sovvenire a me, non esser del tutto impossibile che qualche cosa in qualche tempo si trovasse osservabile tra le fisse, per la quale comprender si potesse in chi risegga l’annua conversione, talchè esse ancora, non men de i pianeti e del Sole stesso, volesser comparire in giudizio a render testimonianza di tal moto a favor della Terra: perch’io non credo che le stelle siano sparse in una sferica superficie, egualmente distanti da un centro, ma stimo che le loro lontananze da noi siano talmente varie, che alcune ve ne possano esser 2 e 3 volte più remote di alcune altre; talchè, quando si trovasse co ’l telescopio qualche piccolissima stella vicinissima ad alcuna delle maggiori, e che però quella fusse altissima, potrebbe accadere che qualche sensibil mutazione succedesse tra di loro, rispondente a quella de i pianeti superiori. E tanto sia detto per ora circa il particolare delle stelle poste nell’eclittica: venghiamo ora alle fisse poste fuora dell’eclittica, ed intendiamo un cerchio massimo eretto al piano