Apri il menu principale


una delle 2160 parti di quello che ci si mostra adesso, la distanza sua converrebbe esser 2160 volte maggiore di quello che è ora in effetto; che è quanto dire che la distanza delle fisse della sesta grandezza sia 2160 semidiametri dell’orbe magno. E perché la distanza del Sole dalla Terra contiene di comune assenso 1208 semidiametri di essa Terra, e la distanza delle fisse (come si è detto) 2160 semidiametri dell’orbe magno, adunque molto maggiore (cioè quasi il doppio) è il semidiametro della Terra in comparazione dell’orbe magno, che ’l semidiametro dell’orbe magno in relazione alla distanza della sfera stellata; e per ciò la diversità di aspetto nelle fisse, cagionata dal diametro dell’orbe magno, poco piú osservabile può esser di quella che si osserva nel Sole, derivante dal semidiametro della Terra.
Sagredo

Questa, per il primo scalino, fa un gran calare.


Salviati

Fallo veramente; poi che una stella fissa della sesta grandezza, che al computo di questo autore bisognava, per mantenimento del detto del Copernico, che fusse grande quanto tutto l’orbe magno, co ’l porla solamente eguale al Sole, il qual Sole è minore assai della diecimilionesima parte di esso orbe magno, rende la sfera stellata tanto grande e alta, che basta per rimuovere l’instanza fatta contro esso Copernico.


Sagredo

Fatemi, di grazia, questo computo.


Salviati

Il computo è facile e brevissimo. Il diametro del Sole è undici semidiametri della Terra, ed il diametro dell’orbe magno contiene, de i medesimi, 2416, per detto comune delle parti; talché il diametro dell’orbe contiene quel del Sole 220 volte prossimamente: e perché le sfere sono tra di loro come i cubi de i lor diametri, facciamo il cubo di 220, che è 10.648.000, ed averemo l’orbe magno maggior del Sole dieci milioni seicentoquarant’ottomila volte; al qual orbe magno diceva quest’autore dover essere eguale una stella della sesta grandezza.


Sagredo

L’error dunque di costoro consiste nell’ingannarsi sommamente nel prender il diametro apparente delle stelle fisse.


Salviati

Cotesto è l’errore, ma non è solo: e veramente io resto grandemente ammirato come tanti astronomi, e pur di gran nome,