Apri il menu principale


e diversità ne i passaggi delle macchie: e del farsi la conversione di questo asse sopra i poli dell’altro asse parallelo a quel dell’eclittica, e non intorno ad altri punti, ne son manifesto indizio le massime inclinazioni e le massime incurvazioni, le quali son sempre della medesima grandezza. Talché, finalmente, per mantener la Terra stabile nel centro, sarà necessario attribuire al Sole due movimenti intorno al proprio centro, sopra due differenti assi, l’uno de i quali finisca la sua conversione in un anno, e l’altro la sua in manco di un mese: il quale assunto all’intelletto mio si rappresenta molto duro e quasi impossibile; e questo depende dal doversi attribuire all’istesso corpo solare du’ altri movimenti intorno alla Terra sopra diversi assi, descrivendo con l’uno l’eclittica in un anno, e con l’altro formando spire o cerchi paralleli all’equinoziale uno per giorno; onde quel terzo movimento, il qual si debbe assegnare al globo del Sole in se stesso (non parlo di quello quasi mestruo che conduce le macchie, ma dico dell’altro che deve trasferir l’asse ed i poli di questo mestruo), non si vede ragion nessuna per la quale ei debba finire il suo periodo piú tosto in un anno, come dependente dal moto annuo per l’eclittica, che in ventiquatt’ore, come dependente dal moto diurno sopra i poli dell’equinoziale. So che questo che dico, al presente è assai oscuro, ma vi si farà manifesto quando parleremo del terzo moto annuo assegnato dal Copernico alla Terra. Ora, quando questi quattro moti, tanto tra di loro incongruenti (li quali tutti per necessità converrebbe attribuire all’istesso corpo del Sole), si possano ridurre a un solo e semplicissimo, assegnato al Sole sopra un asse non mai alterabile, e che, senza innovar cosa veruna ne i movimenti per tanti altri rincontri assegnati al globo terrestre, si possa cosí agevolmente salvar tante stravaganti apparenze ne i movimenti delle macchie solari, par veramente che il partito non sia da recusarsi. Questo, signor Simplicio, è quanto sin ora è sovvenuto all’amico nostro ed a me da potersi produrre, in esplicazion di questa apparenza, da i Copernicani e da i Tolemaici per mantenimento delle loro opinioni. Voi fatene quel capitale che il giudizio vostro vi persuade.
Simplicio

Io mi conosco inabile a potermi intromettere in una decisione tanto importante; e quanto al concetto mio, me ne starò neutrale, con isperanza però che sia per venir tempo che, illuminati da piú alte contemplazioni che non sono questi nostri umani discorsi,