Apri il menu principale


a dire che non sia eretto perpendicolarmente sopra ’l piano dell’eclittica, perché, se fusse tale, i passaggi di esse macchie ci apparirebber fatti per linee rette e parallele all’eclittica: è dunque tale asse inclinato, poiché i passaggi per lo piú appariscon fatti per linee curve. Sarà, nel terzo luogo, necessario dire che l’inclinazion di questo asse non sia fissa e riguardante di continuo verso il medesimo punto dell’universo, anzi che di momento in momento vadia mutando direzione; perché, quando la pendenza riguardasse continuamente verso l’istesso punto, i passaggi delle macchie non cangerebbero già mai apparenza, ma, retti o curvi, piegati in su o in giú, ascendenti o descendenti, che apparissero una volta, tali apparirebber sempre. È forza dunque dire, tale asse esser convertibile, e talora trovarsi nel piano del cerchio estremo terminator dell’emisferio apparente, allora, dico, quando i passaggi delle macchie appariscono fatti per linee rette e piú che mai pendenti, il che accade due volte l’anno; altre volte poi trovarsi nel piano del meridiano del riguardante, in modo tale che l’uno de’ suoi poli caschi nel solare emisferio apparente e l’altro nell’occulto, ed amendue lontani da i punti estremi, o vogliam dire da i poli, d’un altro asse del Sole, il quale sia parallelo all’asse dell’eclittica (il qual secondo asse converrà necessariamente assegnare al globo del Sole), lontani, dico, tanto quanto importa l’inclinazione dell’asse della revoluzione delle macchie; e di piú, che il polo cadente nell’emisferio apparente una volta sia nella parte superiore e l’altra nell’inferiore, perché del cosí accadere necessario argomento ce ne danno i passaggi quando sono equilibrati e nelle lor massime curvità, ora col convesso loro verso la parte inferiore, ed altra volta verso la superiore del disco solare. E perché tali stati si vanno continuamente mutando, facendosi le inclinazioni e le incurvazioni or maggiori ed or minori, e talora riducendosi quelle all’equilibrio perfetto e queste alla perfetta dirittezza, convien necessariamente porre, l’istesso asse della revoluzione mestrua delle macchie avere una sua propria conversione, per la quale i suoi poli descrivano due cerchi intorno a i poli d’un altro asse, il quale per ciò conviene (come ho detto) assegnare al Sole, il semidiametro de i quali cerchi risponda alla quantità dell’inclinazione del medesimo asse; ed è necessario che il tempo del suo periodo sia d’un anno, avvengaché tale è il tempo nel quale si restituiscono tutte l’apparenze