Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/355


sin qui, andiate ordinatamente proponendo le ragioni in contrario, sí d’Aristotile come di altri antichi, il che son per far io ancora, acciò non resti nulla indietro senza esser attentamente considerato ed esaminato; e parimente il signor Sagredo con la vivacità del suo ingegno, secondoché si sentirà svegliare, produrrà in mezo i suoi pensieri.
Sagredo

Lo farò con la mia solita libertà; e perché voi cosí comandate, sarete anco in obbligo di scusarla.


Salviati

Il favore obbligherà a ringraziarvi, e non a scusarvi. Ma cominci or mai il signor Simplicio a promuover quelle difficultà che lo respingono dal poter credere che la Terra, a guisa de gli altri pianeti, si possa muover in giro intorno ad un centro stabile.


Simplicio

La prima e massima difficultà è la repugnanza ed incompatibilità che è tra l’esser nel centro e l’esserne lontano: perché, quando il globo terrestre si abbia a muover in un anno per la circonferenza di un cerchio, cioè sotto il zodiaco, è impossibile che nell’istesso tempo e’ sia nel centro del zodiaco; ma che la Terra sia in tal centro, è in molti modi provato da Aristotile, da Tolomeo e da altri.


Salviati

Molto bene discorrete; e non è dubbio alcuno che chi vorrà far muover la Terra per la circonferenza di un cerchio, bisogna prima che e’ provi che ella non sia nel centro di quel tal cerchio. Séguita dunque ora che noi vegghiamo se la Terra sia o non sia in quel centro, intorno al quale io dico che ella si gira, e voi dite ch’ell’è collocata; e prima che questo, è necessario ancora che ci dichiariamo se di questo tal centro abbiamo voi ed io l’istesso concetto o no. Però dite quale e dove è questo vostro inteso centro.


Simplicio

Intendo per centro quello dell’universo, quello del mondo, quello della sfera stellata, quel del cielo.


Salviati

Ancorché molto ragionevolmente io potessi mettervi in controversia, se in natura sia un tal centro, essendo che né voi né altri ha mai provato se il mondo sia finito e figurato, o pure infinito e interminato; tuttavia, concedendovi per ora che ei sia finito e di figura sferica terminato, e che per ciò abbia il suo centro, converrà vedere quanto sia credibile che la Terra, e non piú tosto altro corpo, si ritrovi in esso centro.


Simplicio

Che il mondo sia finito e terminato e sferico, lo prova Aristotile con cento dimostrazioni.


Salviati

Le quali si riducono poi tutte ad una sola, e quella sola al