Apri il menu principale


dal centro della Terra, almeno di venire in cognizione se ella fu tra gli elementi o pur tra i corpi celesti.
Salviati

Il discorso che fate voi adesso, è quell’istesso che ha fatto l’autore a favor della causa sua, ma con troppo irragionevol disavvantaggio della parte; e quest’è quel punto principale che mi ha fatto sopramodo maravigliare della troppa confidenza ch’e’ si è presa, non men della propria autorità, che della cecità ed inavvertenza de gli astronomi: per i quali io parlerò, e voi risponderete per l’autore. E prima io vi domando, se gli astronomi nell’osservare con loro strumenti, e cercar, verbigrazia, quanta sia l’elevazione d’una stella sopra l’orizonte, possono deviar dal vero tanto nel piú quanto nel meno, cioè ritrar con errore che ella sia talvolta piú alta del vero e talvolta piú bassa, o pure se l’errore non può mai esser se non d’un genere, cioè che, errando, sempre pecchino nel soverchio e non mai nel meno, o sempre nel meno né già mai nel soverchio.


Simplicio

Io non ho dubbio che sia egualmente pronto l’errare nell’uno che nell’altro modo.


Salviati

Credo che l’autore risponderebbe il medesimo. Ora, di questi due generi d’errori, che son contrarii e ne quali possono essere egualmente incorsi gli osservatori della stella nuova, applicati al calcolo, l’un genere renderà la stella piú alta del vero, e l’altro piú bassa: e perché già noi convenghiamo che tutte le osservazioni son errate, per qual ragione vuol quest’autore che noi accettiamo per piú congruenti co ’l vero quelle che mostrano la stella essere stata vicina, che l’altre che la mostrano soverchiamente lontana?


Simplicio

Per quel che mi pare aver ritratto dalle cose dette sin qui, io non veggo che l’autore ricusi quelle osservazioni ed indagini che potesser render la stella lontana piú che la Luna ed anco piú del Sole, ma solamente quelle che la fanno remota (come voi stesso avete detto) piú che per un infinito intervallo; la qual distanza perché voi ancora recusate come impossibile, però egli trapassa, come per infinitamente convinte di falsità e di impossibilità, cotali osservazioni. Parmi dunque, che se voi volete convincer l’autore, voi debbiate produrre indagini piú esatte, o piú in numero, o di piú diligenti osservatori, le quali costituiscano la stella in tanta e tanta lontananza sopra la Luna o sopra al Sole, in luogo insomma possibile ad esservi, sí come