Apri il menu principale


nel firmamento tra le altre fisse, le sue altezze meridiane prese in diverse elevazioni di polo conveniva che fussero tra di loro differenti con le medesime differenze che tra esse elevazioni si ritrovavano; cioè, per esempio, se l’elevazione della stella sopra l’orizonte era 30 gradi, presa nel luogo dove l’altezza polare era, verbigrazia, gradi 45, conveniva che l’elevazione della medesima stella fusse cresciuta 4 o 5 gradi in quei paesi piú settentrionali ne’ quali il polo fusse piú alto gli stessi 4 o 5 gradi: ma quando la lontananza della stella dalla Terra fusse assai piccola in comparazion di quella del firmamento, le altezze sue meridiane convien che, accostandoci al settentrione, crescano notabilmente piú che l’altezze polari; e da quel maggiore accrescimento, cioè dall’eccesso dell’accrescimento dell’elevazion della stella sopra l’accrescimento dell’altezza polare (che si chiama differenza di parallasse), si calcola prontamente, con metodo chiaro e sicuro, la lontananza della stella dal centro della Terra. Ora, questo autore piglia le osservazioni fatte da 13 astronomi in diverse elevazioni di polo, e conferendo una particella di quelle a sua elezione, calcola, con dodici accoppiamenti, l’altezza della stella nuova essere stata sempre sotto la Luna; ma ciò conseguisce egli con promettersi tanto crassa ignoranza in tutti quelli alle mani de’ quali potesse pervenire il suo libro, che veramente m’ha fatto nausea: ed io sto a vedere come gli altri astronomi ed in particolare il Keplero, contro al quale principalmente inveisce quest’autore, si contenga in silenzio, che pur non gli suol morir la lingua in bocca, se già egli non ha stimato tale impresa troppo bassa. Ora, per farne avvertiti voi, ho trascritte sopra questo foglio le conclusioni che e’ raccoglie dalle sue 12 indagini. Delle quali la prima è delle due osservazioni

1.- Del Maurolico e dell’Hainzelio; onde si raccoglie, la stella essere stata lontana dal centro manco di 3 semidiametri terrestri, essendo la differenza di parallasse gr. 4.42 m.p. e 30 sec. ........................ 3 semid. 2.- E calculata dall’osservazioni dell’Hainzelio e dello Schulero, con parallasse 8 m.p. e 30 sec.; e si raccoglie la sua lontananza dal centro piú di ........................ 25semid. 3.- E