Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/313


Veramente, come la cosa sia cosí, questo è un mancamento notabile.
Sagredo

Voglio pure aiutare il signor Simplicio e l’autore, con dire al signor Salviati che il suo motivo concluderebbe ben necessariamente, quando l’autore avesse intrapreso a voler determinatamente ritrovare quanta fusse la lontananza della stella dalla Terra; il che non credo che sia stato il suo intento, ma solo di dimostrare che da quelle osservazioni si traeva, la stella essere stata sullunare; talché, se dalle dette osservazioni e da tutti i computi fatti sopra di esse si raccoglie l’altezza della stella sempre minor di quella della Luna, tanto basta all’autore per convincer d’una crassissima ignoranza tutti quelli astronomi che, per difetto di geometria o d’aritmetica, non avevano saputo dalle lor medesime osservazioni dedurre vere conclusioni.


Salviati

Sarà dunque conveniente ch’io mi volga a voi, signor Sagredo, che tanto accortamente sostenete la dottrina di questo autore. E per veder di fare che anco il signor Simplicio, benché inesperto di calcoli e dimostrazioni, resti capace almeno della non concludenza delle dimostrazioni di questo autore, prima metto in considerazione come ed esso e gli astronomi tutti con i quali egli è in controversia convengono che la stella nuova fusse priva di moto proprio, e solo andasse in giro al moto diurno del primo mobile; ma dissentono circa il luogo, ponendola quelli nella region celeste, cioè sopra la Luna, e per avventura tra le stelle fisse, e questi giudicandola vicina alla Terra, cioè sotto al concavo dell’orbe lunare. E perché il sito della stella nuova, della quale si parla, fu verso settentrione e non in gran lontananza dal polo, in modo che a noi settentrionali ella non tramontava mai, fu agevol cosa il poter prendere con istrumenti astronomici le sue altezze meridiane, tanto le minime sotto il polo, quanto le massime sopra; dalla conferenza delle quali altezze, fatte da diversi luoghi della Terra posti in varie distanze dal settentrione, cioè tra di loro differenti quanto all’altezze polari, si poteva argomentare la lontananza della stella. Imperocché, quando ella fusse stata