Apri il menu principale


che è in queste prime impugnazioni, sia parimente nell’altre: e sí come vedrete in fatto, pochissime parole bastano a confutar tutta quest’opera, benché construtta con tanti e tanti laboriosi calcoli, come voi vedete. Però sentite il mio progresso. Piglia quest’autore, per trafigger, come dico, gli avversarii con le lor proprie armi, un numero grande d’osservazioni fatte da lor medesimi, che pur sono da 12 o 13 autori in numero, e sopra una parte di quelle fa suoi calcoli, e conclude tali stelle essere state inferiori alla Luna. Ora, perché il proceder per interrogazioni mi piace assai, già che non ci è l’autore stesso, rispondami il signor Simplicio, alle domande ch’io farò, quel ch’e’ crederà che fusse per rispondere esso. E supponendo di trattar della già detta stella del 72, apparsa in Cassiopea, ditemi, signor Simplicio, se voi credete che ella potesse esser nell’istesso tempo collocata in diversi luoghi, cioè esser tra gli elementi, ed anco tra gli orbi de’ pianeti, ed anco sopra questi e tra le stelle fisse, ed anco infinitamente piú alta.
Simplicio

Non è dubbio che bisogna dire che ella fusse in un sol luogo, ed in una sola e determinata distanza dalla Terra.


Salviati

Adunque, quando le osservazioni fatte da gli astronomi fusser giuste, e che i calcoli fatti da questo autore non fussero errati, bisognerebbe necessariamente che da tutte quelle e da tutti questi se ne raccogliesse la medesima lontananza sempre per appunto: non è vero?


Simplicio

Sin qua arriva a ’ntendere il mio discorso, che bisognerebbe che fusse cosí di necessità; né credo che l’autore contradicesse.


Salviati

Ma quando de’ molti e molti computi fatti non ne riuscissero pur due solamente che s’accordassero, che giudizio ne fareste?


Simplicio

Giudicherei che tutti fussero fallaci, o per colpa del computista o per difetto de gli osservatori; ed al piú che si potesse dire, direi che un solo, e non piú, fusse giusto, ma non saprei già elegger quale.


Salviati

Vorreste voi dunque da fondamenti falsi dedurre e stabilir per vera una conclusione dubbia? certo no. Ora i calcoli di questo autore son tali, che nessuno confronta con un altro; vedete dunque quant’è da prestar lor fede.


Simplicio