Apri il menu principale

Pagina:Le opere di Galileo Galilei VII.djvu/274


hoc, falsum est a natura gyrari; si illud, redeunt priores quæstiones; et sane mirum esset, quod gavia pisciculo, alauda nidulo suo et corvus limaci petræque, etiam volens, imminere non posset.(11)


Salviati

Io per me darei una risposta generale: che, dato per volontà di Dio che la Terra cessasse dalla vertigine diurna, quegli uccelli farebber tutto quello che alla medesima volontà di Dio piacesse. Ma se pur cotesto autore desiderasse una piú particolar risposta, gli direi che e’ farebber tutto l’opposito di quello che e’ facessero quando, mentre eglino separati dalla Terra si trattenesser per aria, il globo terrestre per volontà divina si mettesse inaspettatamente in un moto precipitosissimo: tocca ora a quest’autore ad assicurarci di quello che in tal caso accaderebbe.


Sagredo

Di grazia, signor Salviati, concedete a mia richiesta a quest’autore, che fermandosi la Terra per volontà di Dio, l’altre cose da quella separate continuasser d’andar in volta del natural movimento loro, e sentiamo quali impossibili o inconvenienti ne seguirebbero: perché io per me non so veder disordini maggiori di questi che produce l’autor medesimo, cioè che l’allodole, ancorché le volessero, non si potrebber trattener sopra i nidi loro, né i corbi sopra le lumache o sopra i sassi; dal che ne seguirebbe che a i corbi converrebbe patirsi la voglia delle lumache, e gli allodolini si morrebber di fame e di freddo, non potendo esser né imbeccati né covati dalle lor madri: questa è tutta la rovina ch’io so ritrar che seguirebbe, stante il detto dell’autore. Vedete voi, signor Simplicio, se maggiori inconvenienti seguir ne dovessero.


Simplicio

Io non ne so scorger di maggiori, ma è ben credibile che l’autore ci scorga, oltre a questi, altri disordini in natura, che forse per suoi degni rispetti non ha volsuti produrre. Seguirò dunque la terza instanza: Insuper, quî fit utistæ res tam variæ tantum moveantur ab occasu in ortum parallelæ ad æquatorem? ut semper moveantur, numquam quiescant?. (12)


Salviati

Muovonsi da occidente in oriente, parallele all’equinoziale, senza fermarsi, in quella maniera appunto che voi credete che le stelle fisse si muovano da levante a ponente, parallele all’equinoziale, senza fermarsi.


Simplicio

Quare quo sunt altiores celerius, quo humiliores tardius?(13)


Salviati

Perché in una sfera o in un cerchio che si volga intorno