Apri il menu principale


cosa nuova, ma rimuovervi da una certa opinione contraria, mostrandovi che forse cosí possa essere. Sospendendosi con un filo lungo e sottile, legato al palco, una palla di piombo, se noi la allontaneremo dal perpendicolo, lasciandola poi in libertà, non avete voi osservato che ella declinando passerà spontaneamente di là dal perpendicolo poco meno che altrettanto?


Sagredo

L’ho osservato benissimo, e veduto (massime se la palla sarà grave assai) che ella sormonta tanto poco meno della scesa, che ho talvolta creduto che l’arco ascendente sia eguale al descendente, e però dubitato che le sue vibrazioni potessero perpetuarsi; e crederò che lo farebbero se si potesse levar l’impedimento dell’aria, la quale, resistendo all’esser aperta, ritarda qualche poco ed impedisce il moto del pendolo: ma l’impedimento è ben poco; di che è argomento il numero grande delle vibrazioni che si fanno avanti che il mobile si fermi del tutto.


Salviati

Non si perpetuerebbe il moto, signor Sagredo, quando ben si levasse totalmente l’impedimento dell’aria, perché ve n’è un altro piú recondito assai.


Sagredo

E qual è? ché altro non me ne sovviene.


Salviati

Vi gusterà il sentirlo, ma ve lo dirò poi; intanto seguitiamo. Io vi ho proposta l’osservazione di questo pendolo, acciò che voi intendiate che l’impeto acquistato nell’arco descendente, dove il moto è naturale, è per se stesso potente a sospignere di moto violento la medesima palla per altrettanto spazio nell’arco simile ascendente; è tale, dico, per se stesso, rimossi tutti gl’impedimenti esterni. Credo anco che senza dubitarne s’intenda, che sí come nell’arco descendente si va crescendo la velocità sino al punto infimo del perpendicolo, cosí da questo per l’altro arco ascendente si vadia diminuendo sino all’estremo punto altissimo, e diminuendo con l’istesse proporzioni con le quali si venne prima agumentando, sí che i gradi delle velocità ne i punti egualmente distanti dal punto infimo sieno tra di loro eguali. Di qui parmi (discorrendo con una certa convenienza) di poter credere, che quando il globo terrestre fusse perforato per il centro, una palla d’artiglieria scendendo per tal pozzo acquisterebbe sino al centro tal impeto di velocità che, trapassato il centro la spignerebbe in su per altrettanto spazio quanto fusse stato quello della caduta, diminuendo sempre la velocità oltre al centro con decrementi